L’essenziale…

Libri
 

copia scelta 5Suppongo che non sia necessario finire di scrivere il titolo. Sono certa che avete già terminato la frase.

Piano piano mi affaccio sempre più al mondo dei piccoli, o meglio vi sto facendo ritorno dopo qualche anno di assenza.

Vivo queste settimane in totale meraviglia. Il mio baby boy mi costringe a ricordare che ci sono cose nuove e diverse da scoprire ogni giorno. Mi chiedo quando mi sono dimenticata di tutto questo. Quando ho smesso di scoprire? Quando ho smesso di stupirmi?

Ad ogni modo, è il caso di ricominciare!

Avevo promesso a me stessa che non avrei dimenticato com’è essere piccoli, eppure, quando si diventa grandi, sembra che non ci sia il tempo per ricordarsene. Ma se viviamo solo per risolvere i problemi della vita, che cosa rimane?

In questi giorni mi è stato regalato il libro del Piccolo Principe e da quel momento non ho smesso di pensare a cosa potrò spiegare al mio bambino, quando glielo leggerò prima di dormire. Ma, in attesa che arrivi il tempo, sento la necessità di assumere io stessa il carattere di questo libro, di incorporare concretamente in me stessa i suoi messaggi.copia scelta 3

Ecco partito il mio solito vortice di pensieri!

Mi soffermo su uno in particolare.

“L’essenziale è invisibile agli occhi”. 

Questa frase per me ha un significato potente, poetico, liberatorio!

E’ liberatorio accorgermi che la vita non deve e non dovrebbe mai essere basata sulle cose, ma sul loro significato…sul significato che hanno per me, sul valore vero che aggiungono alla mia vita. 

copia scelta 4Per me è liberatorio capire che avere molte cose o averne poche non dovrebbe fare la differenza. Naturalmente, spesso non ho in mente questo concetto e mi faccio il sangue amaro all’inseguimento di una vita “perfetta”. Spesso mi sembra quasi un dovere costringere me stessa a non essere felice se non ho tutto e più. Mi giudico e mi apprezzo, io stessa, in base a ciò che possiedo. Ma non dovrei! Non dovrei proprio!

Non è ciò che si vede, non è ciò che si tocca…è ciò che si prova! 

“L’essenziale è invisibile agli occhi”. Certo! Come potrebbe essere altrimenti? E’ una lezione nascosta! E’ una lezione da da sperimentare.

E’ una lezione da imparare il prima possibile perché una volta imparata: il cuore si rasserena, la gratitudine esplode, la pace rattoppa gli strappi, la felicità arriva. La vita diventa un viaggio pazzesco pieno di ciò che serve davvero, pieno di emozione, pieno di meraviglia, pieno di soddisfazione…pieno, pieno e basta!

copia sceltaQuesta pienezza e questa motivazione, nonostante le prove e le avversità, sono l’essenziale che cerco…quello che basta per cogliere il senso di una vita intera.

La vita è solo vita!

 

Un giorno, i problemi rimarranno qui giù e noi voleremo via con la nostra anima…piena solo dell’essenziale che abbiamo scelto di raccogliere. E sarebbe un peccato portarsi via un essenziale inutile e vuoto.

Da bambini questa cosa si sa. Ecco perché da bambini il mondo è fatto di magia, colori e fantasia. Ecco perché ciò che cercano negli occhi di chi li guarda è solo ed esclusivamente l’amore incondizionato. 

E noi non dovremmo possedere altro se non esclusivamente questo. “Avere” è solo un verbo, “Gioire” è vivere per sempre.

copia scelta 2

Fatemi conoscere i vostri pensieri nei commenti e non dimenticate di lasciare il vostro prezioso like. Grazie! 

  • Libro: Il grande libro Pop-Up Testo Integrale de “Il Piccolo Principe” – Bompiani
  • Lucetta da compagnia: Linea “Bimbi sulla Luna” – creazione handmade in fil di ferro. Visitate la pagina Instagram fil_de_fleur e non dimenticate di lasciare il vostro follow https://instagram.com/fil_de_fleur?igshid=1xcsp15bw16ft

 

Nuovi Accessori

Pensieri

Non riesco a ripensare allo scorso anno; Mi viene un senso di claustrofobia.

Ricordo nitidamente solo i giorni prima del “blocco” in cui facevo congetture, con tutta la mia sicurezza, davanti ad un aperitivo, su “questa cosa” capitata in un “posto così lontano da noi”.

Ricordo solo quelle prime settimane dell’anno: io a Milano, le cene con i parenti e gli amici, problemi banali. Penso: “chi lo avrebbe mai detto?” .

Poi vedo solo il pigiama ogni singolo giorno, la motivazione che se ne va per lasciare spazio alla pigrizia e questa piaga, che piano piano arriva sempre più vicina e che, in un modo o nell’altro, porta via con sé tante persone… la paura e la frustrazione che aumentano.

Ma un dolore al braccio mi costringe a rinsavire. Ecco! Adesso ricordo!

Una scoperta importante, i giri con le mascherine per cercare un passeggino, una stanza da rinnovare… un dono che mi ha cambiato la vita, in un anno che me la stava già scombussolando.

Nuove paure, nuova angoscia, nuove difficoltà e una me con una nuova forte esperienza e tante battaglie che ogni giorno perdo per mancanza di pazienza.

Una nuova me costretta ancora a stare a casa.

Una nuova me che deve cercare di perdonarsi se non riesce a fare tutto, una nuova me costretta a chiedere aiuto, che non ha i capelli in ordine, che non ha lo smalto, che passa le ore a fissare il muro con un bimbo che non vuole dormire da solo in un lettino… la nuova me che deve cercare di perdonarsi perché non riesce ad essere una super donna.

A questo punto, non so come sarà questo nuovo  anno.

Non ho buoni propositi, però mi sono scelta delle basi per affrontarlo:

Non mi interessa più programmare il futuro. Ho toccato con mano che non siamo padroni di nulla.

Ho delle mete, ma non avrò aspettative… avrò solo estrema fiducia. Tutto servirà per arrivare al mio massimo e al mio meglio.

Il mio mantra sarà “Grazie”… per guarire le mie ferite chiederò “Perdono”… per superare le mie paure penserò a questo bimbo che non ha altro se non piena fiducia in me.

Emozioni nuove e nuove Motivazioni… Queste sono i miei nuovi Accessori.

Se imparerò l’amore vero, che richiede anche sacrifici, tutto questo basterà per sempre.

Non avrò bisogno di altro.

Michela

Scarpe con inserti in vinile !

A mini shopping guide

Vinile o non vinile…

L’altro giorno girovagavo tra i negozi in cerca di ispirazione per lo shopping primaverile.

Inizialmente non ero molto attenta ma poi ho visto qualcosa che si ripeteva di negozio in negozio e inevitabilmente mi ci è caduto un pensiero… e forse anche due.

Fast post

Fashion

Inizio la giornata con un post prettamente modaiolo in cui vi mostro un outfit che miIMG-20180428-WA0007 piace parecchio e in cui mi trovo davvero bene.

E’ molto casual e semplice ma con due dettagli che mi fanno impazzire.

I bootcut jeans ormai sono entrati a far parte dei miei capi preferiti.

Fino a qualche tempo fa mi ricordavano i miei tempi più giovani in cui li mettevo con le scarpe da tennis e l’effetto era terribile.

Adoravo lo stile Lizzie McGuire ma la zampetta di elefante doveva rimanere relegata a quei ricordi li.

Invece l’anno scorso, dopo aver trovato questi bootcut da Primark, ho pensato di poterci riprovare.

IMG-20180428-WA0032Cosa ha funzionato stavolta?

Le scarpe ovviamente!

Sappiamo bene quanto le scarpe cambino il mood di un look e anche stavolta non si fa eccezione.

Indossandoli con dei tacchi, la gamba risulta slanciata e ordinata proprio perché i pantaloni non vengono bloccati a terra con il risultato di avere pieghe su pieghe che rendono la zampa ancora più Large.

Niente da dire se non che è tutta un’altra questione.

E sempre a proposito dei tempi passati, un altro capo, o meglio, accessorio che mai e poi mai avrei pensato di utilizzare è lui…il terrore dei bacini…l’incubo degli outfit da scampagnata: il famigerato marsupio.IMG-20180428-WA0008

Vi do un attimo per fare un bel respiro.

Ammettiamolo! E’ la comodità fatta accessorio, ma non è mai stato il massimo del glamour.

Tuttavia, come nella storia del brutto anatroccolo, in questi tempi abbiamo assistito a una magica trasformazione e a un ritorno in pieno stile tra le passerelle di tutto il mondo.

Io vi propongo questo modello rosa cipria di Stradivarius di cui sono innamorata alla follia. Lo amo, lo amo, lo amo! Non so in che altro modo descriverlo.

Penso che anche il più accanito oppositore del marsupio possa arrendersi a questa piccola meraviglia.marsupio e jeans

Io l’ho aggiunto a questo outfit ma prossimamente ve ne mostrerò altri.

Sono sicura che se non siete ancora convinti, vi farò cambiare idea.

Fatemi sapere cosa ne pensate voi!

Io, anche per oggi vi lascio e vi auguro una buona giornata!

A presto!

Un bacio

Michela

Nature Sweet Home

Pensieri

Perché si! Perché è bella! Perché è casa!IMG-20180407-WA0055

La natura.

 

E’ arrivato il tempo migliore per godersela, per esempio, con i fine settimana primaverili a base di scampagnate all’aria aperta.

 

Personalmente adoro quelle giornate di gite in cui ci si alza presto.

Lo zaino è pronto dalla sera prima, ma ci si prepara in fretta perché bisogna arrivare puntuali al luogo di incontro con “tutti gli altri”.

 

IMG-20180407-WA0063Si fa colazione nel solito bar. In realtà, “il solito bar” è più di uno. Dipende da dove si deve andare, dalla direzione da prendere. Ma comunque anche la colazione è la solita.

 

Poi finalmente si parte. Una o due ore di macchina in cui si chiacchiera fino allo sfinimento e si ascolta musica. Ma il tempo vola comunque e si arriva senza accorgersene.

 

Aria pura, alberi, ruscelli, verde…natura.

 

Ogni volta, qualcosa non va come programmato ed è da li che parte la naturale arte dell’arrangiarsi.IMG-20180407-WA0038

Ma lo senti…ti senti bene!

Perché adoro queste giornate?

Per quanto mi riguarda, perché si! Perché è bella! Perché è casa!

La natura.

Siamo progettati per essere libertà…noi siamo natura.

Durante le giornate, il cervello si sovraccarica per tutte le cose quotidiane. Non riesco a smettere di pensarci! Ma quando sono vicino a delle cascate, invece, non riesco minimamente a pensare ai problemi…

Perché sono nella natura…perché sono a casa!

IMG-20180407-WA0021

E’ vero che per poter costruire noi stessi giorno dopo giorno, abbiamo bisogno di sanare un po’ il nostro animo, restituendogli spesso un po’ di energia, pace e serenità.

Dovrei permettermi un po’ di più il lusso di stare all’aperto.

Voi che pensate? Fatemi sapere!

Nature Sweet Home

Alla prossima

Un bacio

Michela

Ps: Ho iniziato un nuovo libro! Ve ne parlerò presto

IMG-20180407-WA0025

 

– Amica Mia – Mariama Bâ

Senza categoria

Ciao, sono tornata!

Ho finito un altro libro.IMG-20180304-WA0024
Un Romanzo. Un breve ma potente Romanzo che mi ha lasciata in silenzio, in riflessione.
Non seguo un ordine per scegliere i libri da leggere. Come ho scritto altre volte, credo che i libri si presentino nel momento più opportuno della nostra vita. Se alcuni li lasciamo da parte, vuol dire che non è il momento per noi di conoscerne il contenuto.
E’ quello che mi è successo qualche tempo fa.

Un ambulante senegalese, in spiaggia, mi ha proposto un libro di letteratura africana:
“Ti piacciono i libri?”
“Mi piacciono molto i libri”
“Conosci Mariama Bâ?”
“No” rispondo con una faccia incuriosita
“Era una scrittrice senegalese. Ha scritto questo libro. E’ un libro molto importante!”
Così mi è capitato questo volumetto che, tuttavia, non ho letto subito.
Mi incuriosiva. Ogni volta che lo vedevo a casa, sentivo la voglia di leggerlo, ma non lo facevo.
E’ passato un anno e mezzo.
Una sera, mi è venuto in mente e ho cercato informazioni su questa autrice che ha scritto il libro molto importante preso da un ragazzo senegalese in spiaggia.
Leggo: “Mariama Bâ nacque a Dakar nel 1929…il suo primo romanzo si intitola Une si longue lettre…è stata una partecipante attiva del dibattito femminista nel continente”.
Una femminista. Un libro di letteratura africana. Una lunga lettera da leggere in questo libro molto importante preso da un ragazzo senegalese in spiaggia.
Decido che è arrivato il momento.
Apro il libro e inizio a capire…
Una donna senegalese, Ramatoulaye, sta scrivendo una lettera a una sua amica, Aïssatou.
Lentamente e a poco a poco, vengono toccati e mi vengono spiegati dall’interno aspetti culturali della società senegalese che determinano la vita di una donna.
In particolare, Ramatoulaye, insegnante e madre di dodici figli, affronta ciò che consegue alla morte del marito. Un marito che cinque anni prima aveva preso la decisione di sposare una seconda moglie.
La poligamia, la vedova destinata a sposare un cognato, in quanto parte integrante dell’eredità del morto, la ribellione di una donna a questi dogmi, la sottomissione ai voleri delle famiglie, la distinzione tra ricchi e poveri e, in quanto poveri, indegni…
ogni tema viene affrontato in un modo così educato e riflessivo, che non ci si accorge da subito della potenza e del peso di ogni questione e di ogni singola parola.
In ciascuna pagina si spiega la vita di due donne forti e ribelli, che fanno delle scelte opposte ma consapevoli.

IMG-20180304-WA0011
E’ un libro che non riesco a spiegare perché non mi sento in grado. E’ un libro che mi ha dato ispirazione. Che mi ha dato da pensare.

Io che mi sono sempre sentita una battagliera…io che ora mi sento una debole femminista perché ho perso le parole.

 

Mi piace tutto ciò che c’è scritto.
Mi piace la calma e il raziocinio con cui Ramatoulaye affronta ogni questione anche se il cuore le scoppia dentro a causa dei troppi pensieri e delle delusioni. Mi piace perché la donna analizza tutta la sua vita per riorganizzare il suo momento presente. Mi piace perché il dolore non viene soffocato, ma espresso con contegno, per mantenere lucidità in una situazione pesante. Mi piace per la forza di ogni parola che risulta piena di significato. Mi piace perché ogni questione viene affrontata in modo completo, non in modo schematico come se al mondo esistessero solo il bianco e il nero.
Mi piace perché ho letto di donne che prendono decisioni difficili ma ben ponderate, su cui si può essere d’accordo o meno, ma comunque donne che non risultano asservite, che non sono docili, non arrendevoli e di certo non sconfitte.
E’ stato un vero arricchimento per me. Ne farò tesoro e vi invito a leggere questo breve ma lungo romanzo.
Scrivo qui le ultime righe della lettera di Ramatoulaye a Aïssatou. Credo che riassumano alla perfezione i pensieri e il cuore di una donna.

“Ti avverto già, non intendo rinunciare a rifarmi una vita. Malgrado tutto – delusioni e umiliazioni – la speranza mi abita. E’ dall’humus lurido e nauseabondo che scaturisce la pianta verde e io sento spuntare in me germogli nuovi.
La parola felicità significherà pure qualche cosa, non è vero? Mi metterò alla sua ricerca. Peggio per me, se poi dovrò scriverti ancora una lettera così lunga…”

Sicuramente, ora ho capito perché dovevo leggere questo libro molto importante consigliato da un ragazzo senegalese in spiaggia.

un bacio

Michela

IMG-20180304-WA0015

 

 

#HandMade

Pensieri

Bentornati al TheOvalMirror, miei cari!

IMG-20180220-WA0018

 

 

Fa decisamente freddo anche qui in Sardegna, perciò il mio mood di oggi è strettamente legato a questo cappotto caldo e lungo, che amo, di Tally Weijl.

 

Oggi, non mi vedrete con un bel libro in mano, ma con qualcosa di altrettanto prezioso.

 

In questo mio mondo, in questo mio spazio, vi parlo dei miei pensieri e di tutte le cose che mi fanno emozionare.

IMG-20180220-WA0022

Ammetto che, a volte, ma diciamo anche spesso, vengo assalita dai dubbi e dalle domande sul senso di questo che faccio.

 

Credere in se stessi, nelle proprie passioni e sogni, non è sempre facile o ovvio o automatico.

 

Perciò in questi periodi abbiamo bisogno che qualcuno creda in noi quando noi non lo facciamo. Siete d’accordo?

 

La cosa che mi fa impazzire dalla gioia è che queste persone speciali capitano al momento più giusto e sanno ridarci la spinta. Arrivano a noi, indipendentemente dalla nostra ricerca e qualunque sia il posto o la situazione in cui ci troviamo.

Non credo alle coincidenze e so che nulla accade per caso. Ecco perchè vi dico che oggi ho con me qualcosa di prezioso.

Una cara amica ha fatto per me uno splendido portachiavi con un ciondolo che mi rappresenta. Rappresenta una mini #booksmodel con uno sguardo vivace.

Lo adoro! Ogni volta che prendo in mano questo piccolo oggetto, sento il suo valore.

E’ fatto a mano, è fatto per me…è ideato pensando a me!

Qui sotto vi lascio i link delle pagine Facebook e Instagram di questa bravissima artista che ha pensato a me, che mi ha dato fiducia e che ringrazio tanto per questo.

Pètit Noèl Bijoux

 

www.facebook.com/petitnoelbijoux/

 

www.instagram.com/petit.noel.bijoux/

 

Questi oggetti sono preziosi perchè racchiudono al loro interno il lavoro, la passione, l’immaginazione di chi li produce e, in più, l’unicità data dalla persona per cui sono fatti.

Vi assicuro che tenendoli in mano, sentirete tutta la dedizione con cui sono fatti. Questo è il loro valore.

Andate a vedere queste creazioni speciali e piene di felicità, troverete sicuramente le vostre.

Non dimenticate anche di lasciare il vostro preziosissimo like per tenervi sempre aggiornati su ciò che c’è ogni giorno di nuovo.

Non ve ne pentirete!

Fatemi sapere cosa ne pensate voi. I vostri commenti sono indispensabili.

Io vi saluto e vi aspetto alla prossima.

IMG-20180220-WA0010

Un bacio

Michela